Nestor Laurent-Perroto, nato nel 1998, ha iniziato a suonare la chitarra classica all'età di 7 anni, prendendo lezioni da Philippe Charles al Conservatorio di Orléans. Durante la sua formazione ha studiato con Gabriel Bianco e Agnès Abiton, con cui si è diplomato nel 2016. È poi entrato nelle classi di Gérard Abiton e successivamente di Jérémy Jouve al Conservatorio di Parigi conseguendo laurea in Musicologia, in Interpretazione e in Pedagogia. Ha vinto il 2° premio all'International Béarn Competition (2018) e al Thomas Kuti National Competition, organizzato dal Lions Club (2019).

Nestor si dedica ad un variegato repertorio solistico con un particolare interesse per la musica contemporanea, suonando brani di Tristan Murail e Luciano Berio. È membro del quartetto di chitarra Quatuor Bergamasque, con il quale è coinvolto in un vasto e ambizioso progetto di programmi precisi e coerenti. L'appropriazione attraverso la trascrizione è un'idea fondante dell'ensemble, così come l'orchestrazione e la spazializzazione del suono.

Nestor pratica anche la libera improvvisazione, da solo o in gruppo. Fin da bambino ha avuto la possibilità di confrontarsi con un ambiente artistico e musicale alternativo. La sua musica riflette varie influenze come Derek Bailey e Sun Ra ma anche aspetti musicali tipici del repertorio chitarristico, a cui si avvicina con umorismo, senza mai cadere in un'estetica fissa. Si esibisce anche in duo con suo padre Paul Laurent.